Da domani




Scatterò foto di sorrisi assordanti
Lascerò fuori dalla piazza immaginaria il mio nome
Tenendo solo quel cognome per cui, per pochi, mi si conosce
Farò in modo che le crepe, dove si infilano i falsi amici che tradiscono
siano incustodite
Produrrò la più comoda delle cecità
Quella dell’anima, illusoria a chi non guarda bene
Sto per mettere una sagoma di me, come volete che sia
Non toccatela però
Cadrebbe e dietro potreste non trovare nulla
Se non avete chiesto di me tutto intero
Servendovi solo del pezzo che faceva comodo
Raccoglierò il camion dei miei errori
E il carrettino delle mie qualità
E mentre sarete lì a guardare il sorriso assordante
Vedrò la foto di me di spalle che saluto con un ghigno
Ché il sorriso, ormai, lo centellino come un vecchio liquore, a pochi amici che non dico
Grazie per esserci stati, qualsiasi ruolo abbiate avuto da domani.
A domani.

Photos by Deviantart

Powered by Blogger.