Non tutti gli uomini

Mi capita a volte di finire in confronti accesi sulla natura e sulle caratteristiche di uomini e donne. E devo dire rimango desolato. Diventano spesso un gracchiare in cui ogni rappresentante del sesso opposto rivendica i propri pregi, oppure dialoga per altri fini, magari più prosaici e giustificati.
La convinzione che certe ferite alberghino solo da una parte e che certe delusioni siano date solo dal maschio insensibile o dalla donna stronza, crea fenomeni di luogocomunismo senza uscita. Faremmo bene ad accettare che ci differenziamo per biologia, per modi di sentire, ma che le ferite fanno male a tutti e che se uno è stronzo, è stronzo ambosessi.
Esistono uomini che hanno ferite, traumi, anime in disordine, che hanno vissuto una vita che non avrebbero mai voluto. Eppure cercano di essere buoni compagni, buoni padri, dentro e fuori casa, partendo da un presupposto preciso: non si fa pagare agli altri il proprio passato, chi viene dopo non merita il dolore di coltellate altrui.
Esistono uomini che non vedono le donne solo come immagini da abbordare su fb, che sanno innamorarsi, ma non con cuoricini e frasi diabetiche, che pure sono belle e a volte vanno dette. Ma con progetti concreti e promesse mantenute, anche tra mille incertezze. C’è chi non abbandona la barca, non rinuncia ad amare più della sua stessa vita i propri figli, pur scegliendo nuove strade, che a volte sono difficilissime.
Esistono uomini che per amore ci rimettono, in soldi, vita comoda, agi, benessere. Che scelgono strade coerenti, perchè non c’è più amore e non vogliono rimanere per ipocrisia.
Sento dire, ma sarà una leggenda metropolitana, che ci sono uomini solidali con le donne, che sono contro il femminicidio, che addirittura cercano di capirle.
Ad esempio, tanti poeti hanno scritto di donne, ma pochi, forse, hanno provato a interpretarle per cosa provano. Una delle più belle canzoni su di loro, è stata scritta da un uomo. Ed è un inno alla femminilità. Quello che le donne non dicono, scritta da Enrico Ruggeri.
Guardiamoci dagli integralismi reciproci, magari proviamo a pensare che l’uomo o la donna giusta non li incontreremo mai, se li aspettiamo al varco per avere ragione sui nostri pregiudizi.


Powered by Blogger.