Lacerazioni lontane



C'è stato.
Un tempo meno tranciante
Senza bengala a segnalare banalità.
Un tempo teso come tamburo
A tenere un ritmo comune.
Incendi di esistenze da bruciare, nel fuoco sacrificale.
Per una nuova alba.
Cercare le parole, non era faticoso tra fianchi distesi.
Un tempo che era ritmo, ora stonato, distonico, scivoloso.
Mentre inciampiamo nella sorpresa, di smarrire le nostre dita incrociate.

Powered by Blogger.