A modo tuo





In questo mondo di cialtroni, ti insegneranno che piegare la testa è dignità.
Ti diranno che sei licenziato “per difformità di vedute”, perchè non sei allineato.
La tua educazione sarà scambiata per ingenuità.
La tua morale, e il rispetto della tua donna, per stupidaggine.
Il tuo essere un bravo padre sarà solo per le foto visibili a tutti.
Nel privato i tuoi figli non li cagherai di striscio.
Se sarai presuntuoso e arrogante farai strada, se vanterai di saper fare un mestiere non avendone la minima idea, attento a promuoverti bene.
Sarai considerato più di chi lo fa da una vita.
Pretendi dai deboli, isola chi non è un vincente.
Manipola le menti deboli, fagli quattro moine, insisti sul loro bisogno di affetto.
La nuova miseria è questa. La solitudine apre tante porte.
Utilizza la gente come le mutande. Cambia. Scopa e fotti. Non sognarti di fare l’amore.
Se hai un talento, mi raccomando, tirane fuori solo per intortare le femmine.
Non fare nulla per passione, rimorchia, e ora che ci penso, ho un altro sinonimo dei primi due. Tromba. Ma non fare l’amore.
Chiudi le porte prima che i buoni sentimenti possano aggredirti, vantati di essere un cuore buono solo per conquistare la donna che vuoi per te, poi mostrati avido.
Non dare mai. Altro che non chiedere.
Sfuggi gli impegni e le responsabilità.
Ciò che più conta, non dare ascolto alle mie amarezze, perchè hai due alternative, o essere veramente così, o arrivare a guardarti allo specchio con rughe che sembrano fiumi scavati.
E l’aria pesta. Sarai un viso che non piacerà immediatamente.
ma se verrai fuori ascoltando davvero il mondo e quello che vuole raccontarti, sarai un bellissimo libro da sfogliare. A proposito, fai l’amore, più che puoi. Buon viaggio, sono già fiero di te.

Powered by Blogger.